sodalitas call for future

Poste Italiane ha ottenuto il prestigioso marchio “Sodalitas Call for Future” da Sodalitas che annovera tutte le aziende che contribuiranno con azioni d’impresa e soluzioni efficaci e innovative orientate ad attuare gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e a realizzare un futuro sostenibile, e i giovani, cittadini del mondo di domani.

Aziende e giovani insieme per un futuro sostenibile

“Sodalitas Call for Future” vuole dar voce alle realtà che si sentono parte di questa sfida, per promuovere il dialogo tra imprese e giovani generazioni sul futuro sostenibile. Sono state raccolte 150 azioni concrete d’impresa che rispondono a quattro grandi sfide: Call for Planet, Call for People, Call for Work e Call for Better: per Poste Italiane è stato scelto il tema dell’inserimento lavorativo delle donne vittime di violenza.

“Sodalitas Call for Future” promuove un dialogo tra imprese e giovani fondato sul linguaggio comune della sostenibilità. Collegato a questa iniziativa il concorso Together for Future che si rivolge a 2 milioni di studenti delle 7.500 scuole secondarie di secondo grado d’Italia, a cui vengono presentate tutte le azioni d’impresa per ispirarli a esprimere aspettative e proposte per realizzare un futuro sostenibile.

Tutte le azioni d’impresa parte di “Sodalitas Call for Future” sono visibili sul sito sodalitascallforfuture.it, piattaforma digitale dedicata a valorizzare queste iniziative perché possano essere di esempio e di ispirazione per molte altre realtà.

L’inclusione lavorativa delle donne vittime di violenza

L’autonomia lavorativa è il passo concreto per recuperare la dignità violata e contribuire al reinserimento nella società. Con questa visione, diventata un progetto concreto, Poste Italiane, ha ricevuto il premio “2020 CSR Coup de Coeur”, categoria Dipendenti, da PostEurop, l’associazione degli operatori postali pubblici europei, per il programma “Inclusione lavorativa delle donne vittime di violenza”. Il progetto, ritenuto di elevato interesse dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dal CNEL, contribuisce allo sviluppo di percorsi finalizzati all’indipendenza economica tramite inserimento lavorativo delle donne in uscita dai centri antiviolenza. La best practice di Poste si basa sul rapporto e sul coinvolgimento attivo delle aziende fornitrici del Gruppo, quali destinatarie di progetti di accoglienza lavorativa. L’iniziativa di Poste, che sostiene concretamente forme di responsabilità sociale d’impresa e di solidarietà, è volta al supporto delle molte donne che continuano a subire violenza proprio per insufficienza o assenza di indipendenza economica. Qui il video del progetto.

Cos’è l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile

L’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile è un programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità. Sottoscritta il 25 settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri delle Nazioni Unite, e approvata dall’Assemblea Generale dell’ONU, l’Agenda è costituita da 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile – Sustainable Development Goals, SDGs – inquadrati nell’ambito di un programma d’azione più vasto costituito da 169 target o traguardi, ad essi associati, da raggiungere in ambito ambientale, economico, sociale e istituzionale entro il 2030.

L’opportunità dei 17 goals: una sfida globale

Gli obiettivi fissati per lo sviluppo sostenibile hanno una validità globale, riguardano e coinvolgono tutti i Paesi e le componenti della società, dalle imprese private al settore pubblico, dalla società civile agli operatori dell’informazione e cultura.

I 17 Goals fanno riferimento a questioni importanti per lo sviluppo che prendono in considerazione in maniera equilibrata le tre dimensioni dello sviluppo sostenibile – economica, sociale ed ecologica – e mirano a porre fine alla povertà, a lottare contro l‘ineguaglianza, ad affrontare i cambiamenti climatici, a costruire società pacifiche che rispettino i diritti umani. Questo programma non risolve tutti i problemi ma rappresenta una buona base comune da cui partire per costruire un mondo diverso e dare a tutti la possibilità di vivere in un mondo sostenibile dal punto di vista ambientale, sociale, economico.