L’idea è stata presentata da un gruppo informale di giovani. Tutti con diverse competenze in materia di comunicazione, social media management e progettazione europea hanno pensato a una modalità per cercare di rispondere all’urgente bisogno di un nuovo tipo di canale dei giovani per i giovani, che fosse in grado di informarli e orientarli sulle importanti opportunità che l’Unione Europea offre loro. È il progetto europeo “ArEuRadio?”, promosso dall’Informagiovani del Comune di Sassari – Agenzia Locale Eurodesk, presentato lo scorso ottobre dall’Amministrazione comunale e finanziato dal programma “Corpo Europeo di Solidarietà”. Nell’ambito del progetto saranno selezionati 20 studenti e 15 Neet (Not in Education, Employment or Training, cioè le persone, soprattutto giovani, che non cercano un lavoro né studiano) di età compresa tra i 15 e 30 anni.

Come funziona
Il progetto di ArEuRadio? ha avuto inizio ai primi di luglio, con la firma della convenzione da parte del Comune. È stato il momento che ha segnato l’avvio della disponibilità per l’utilizzo di alcuni spazi e attrezzature del centro servizi Giovani Santa Caterina: i ragazzi del gruppo hanno poi iniziato a predisporre la piattaforma WordPress che sarà il contenitore attraverso il quale si darà vita al progetto. Il bacino d’utenza sembra essere intenso e partecipativo: sono stati infatti contattati tutti gli istituti superiori della città e alcuni, in particolare, si sono mostrati entusiasti a partecipare alla realizzazione del progetto. L’obiettivo generale è proprio quello di migliorare la comunicazione sulle opportunità nazionali ed europee rivolte ai giovani, mentre l’obiettivo specifico è quello di favorire la partecipazione e la cittadinanza attiva.  Da qui, la volontà di coinvolgere i ragazzi in maniera consapevole: a breve, infatti, sarà diffuso un avviso a cui potranno aderire gli studenti delle scuole coinvolte e i giovani che non sono inseriti in circuiti formativi o lavorativi, che siano interessati a far parte del gruppo e vogliano imparare come si lavora in una web radio e come si gestisce un blog. Il progetto si concluderà a luglio 2021. Al termine, i partecipanti otterranno uno Youth Pass, cioè un certificato europeo che ha l’obiettivo di attestare le competenze acquisite e spendibili nel proprio percorso di vita. E, altro elemento da non sottovalutare, è che per partecipare – spiegano i promotori del progetto – non è necessario possedere competenze specifiche, ma è sufficiente avere semplicemente la voglia di mettersi in gioco.