La migliore startup studentesca dei Paesi del Sud Europa è “made in Lecce”. È l’innovativo progetto contro il bullismo “Mabasta” ad aver trionfato come “Best Student Startup: Mabasta from Italy”. Gli intraprendenti giovani ideatori e animatori dell’originale movimento, studenti dell’Istituto “Galilei-Costa-Scarambone” di Lecce hanno dapprima superato le selezioni nazionali e poi se la sono vista contro i “concorrenti”, tutti studenti universitari provenienti da Portogallo, Spagna, Francia, Cipro, Malta e Grecia. Alla fine, l’hanno spuntata loro, 14 “ragazzini” sul tetto d’Europa contro uno stuolo di studenti delle migliori università del sud Europa. E non è il primo riconoscimento per la scuola. Daniele Manni, che insegna informatica e imprenditorialità presso l’Istituto salentino, è recentemente salito sul prestigioso (e virtuale) podio internazionale per innovazione e imprenditorialità all’interno della Conferenza Europea “ECIE – European Conference on Innovation and Entrepreneurship”.

Come nasce l’idea
L’idea di “MaBasta” (acronimo che sta per Movimento Anti Bullismo Animato da STudenti Adolescenti) è nata proprio su input del professor Manni.  A gennaio 2016 gli studenti hanno parlato in classe del caso di una ragazza di Pordenone che aveva tentato di farla finita perché non riusciva a sopportare le azioni di bullismo da parte dei compagni. Da qui, l’invito del docente: è molto meglio “fare” qualcosa anziché semplicemente parlarne e così i ragazzi si sono interrogati e confrontati su cosa poter fare in concreto per tentare, almeno, di frenare questo bruttissimo fenomeno. “Ci è venuta quindi in mente l’idea – spiegano i componenti di MaBasta – di creare un movimento di giovani e giovanissimi che, come noi, vogliono fermare il bullismo, per dimostrare a bulle e bulli che quelli contrari sono molto più numerosi”.